Riforma delle carceri

Sul Nuovo Ordinamento Penitenziario

"Cattiva" Pol.Pen. Concorso Magistratura

Striscia La Notizia

Link utili




 

 

 



Sondaggio

Come ti sembrano i nuovi distintivi di qualifica?
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
Totale dei voti:
Primo voto:
Ultimo voto:

La scrivente organizzazione sindacale O.S.A.P.P., con rammarico prende atto del riscontro alla n.s. richiesta di convocazione delle OO.SS. per discutere dell’organizzazione del lavoro per l’apertura del reparto in oggetto.

Non possiamo esimerci dal non comprendere l’ostinata decisione di detta apertura, come non possiamo sottovalutare l’incoerenza, mostrata da codesta amministrazione, che concordava e conseguentemente rinviava l’apertura del reparto in questione, perché condivideva le problematiche emerse nella riunione del 05/09/2017, che avrebbero portato ad un ulteriore carico di lavoro, per le Poliziotte che già operano precariamente presso il reparto femminile di codesto istituto.

Inoltre questa O.S. è stata destinataria di lamentele sulla modalità d’informazione del personale in forza al reparto femminile , sull’apertura del 6° reparto, che ne è venuto a conoscenza, casualmente dalle detenute ivi ubicate, che giustamente invece loro, sono state convocate ufficialmente nella consueta riunione delle commissioni riunite, per essere informate della progetto di detta apertura.

Alla luce di una analisi dei dati che codesta direzione ci fornisce mensilmente, a fronte del numero di personale previsto dal P.I.L. vigente, escludendo il personale assente a vario titolo o assegnato provvisoriamente ad altre U.O., risulterebbero realmente operative circa 20 unità, tra le quali alcune di queste unità, sono destinatarie di giusta concessione, da parte della direzione, nell’espletare turni agevolati. Pertanto il numero di unità da impiegare sulla rotazione h24, risulterebbero circa 15. Questi dati rispetto alla riunione tenutasi il 05/09/2017, non sono mutati, anzi forse hanno subito un incremento peggiorativo, allora ci si chiede perché ostinarsi ad aprire il 6° reparto?

Appare inverosimile come, si possa procedere a predisporre l’apertura del reparto in oggetto, con l’organico effettivo operante quotidianamente presso il reparto femminile, incuranti dei disagi di cui le Poliziotte saranno destinatarie. O forse è più importante il raggiungimento di un obiettivo prefissato dall’amministrazione? 

Ulteriore lamentela di detto personale, sarebbe il mancato incontro con la direzione, richiesto dallo stesso personale, per il tramite del proprio coordinatore di reparto, alla quale sarebbe stato formulato circa nella metà del mese di ottobre, che avrebbe avuto il fine di confrontarsi sulle modalità gestionali di detto progetto. Detta richiesta, ad oggi non ha avuto alcun riscontro. Evidentemente, sia il vice comandante che la direzione, sarebbero stati troppo impegnati nell’accompagnamento delle visite guidate esterne, per il reparto che ospita il Nido, o per l’inaugurazione della nuova “parrucchiera” del medesimo reparto femminile.  Appare evidente che codesta direzione, non abbia la consapevolezza dei disagi che quotidianamente devono affrontare le nostre Poliziotte.

Questa O.S., alla luce di quanto su esposto, chiede inequivocabilmente, che codesta Direzione, si adoperi con fermezza e coerenza, nel rinviare ulteriormente l’apertura del reparto in oggetto, non prima dell’assegnazione di altro personale di polizia congruo alle necessità previste, il tutto a salvaguardia per la tutela dello stato psicofisico, delle Poliziotte, alle quali quotidianamente già viene richiesto uno ulteriore sforzo, per garantire il regolare svolgimento del servizio.

Inoltre si ribadisce la richiesta affinché vengano convocate le OO.SS. per concordare l’organizzazione lavorativa prevista per il nuovo reparto così come statuito dagli accordi pattizi. 

 

Attachments:
Download this file (apertura VI reparto ATTO II.pdf)apertura VI reparto ATTO II.pdf[ ]267 kB
Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.