Stampa

Con un’operazione con circa 200 uomini della Polizia penitenziaria, 70 detenuti del carcere di Melfi (Potenza) – tutti della sezione “alta sicurezza” –

che il 9 marzo si erano rivoltati prendendo in ostaggio 9 persone fra Polizia Penitenziaria e Personale Sanitario, sono stati trasferiti in altri istituti di pena. La rivolta era cominciata, come in altre carceri italiane, per protestare contro le misure prese per contrastare la diffusione del coronavirus.

 

 

fonte  TGCOM24

Questo sito si avvale dell'utilizzo di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.